La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Il Natale del gatto Romeo (Fiaba natalizia)
Mar Dic 08, 2015 2:38 pm Da AleTheElf

» La leggenda del Maneki neko (video)
Lun Ott 26, 2015 4:13 pm Da AleTheElf

» Largo,gente: arriva il sito di Romeo!
Lun Mag 11, 2015 9:28 pm Da AleTheElf

» La Pratica Con i Tarocchi
Lun Mar 23, 2015 7:40 pm Da Arwen

» ♥♥♥Ave Maria - Leo Rojas ♥♥♥
Dom Mar 01, 2015 6:42 pm Da Keewna

» Nature - Harmony
Dom Mar 01, 2015 5:42 pm Da Keewna

» Chirapaq, Świnoujście
Dom Mar 01, 2015 5:18 pm Da Keewna

» Bonus 30 punti Elven's top 100
Dom Ott 19, 2014 7:22 pm Da Jupiter

» Insolita richiesta
Ven Ago 01, 2014 7:29 am Da Tancredi

» Uther Pendragon (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 2:30 pm Da Faun

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Cernunnos80
 
Straniero77
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook

Condividere | 
 

 Il Gigante Egoista

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Straniero77
Aiutante Taverniere
Aiutante Taverniere
avatar

Messaggi : 310
Punti : 452
Rinomanza dei post : 40
Data d'iscrizione : 03.11.10

MessaggioTitolo: Il Gigante Egoista   Lun Nov 29, 2010 11:53 am

Eccovi una fiaba scritta dal mio scrittore preferito, O. Wilde:

Tutti, i giorni, finita la scuola, i bambini andavano a giocare nel giardino del gigante. Era un giardino grande e bello,coperto di tenera erbetta verde. Qua e là, spuntavano fiori simile a stelle; in primavera i dodici peschi si ricoprivano di fiori rosa perlacei e, in autunno, davano i frutti. Gli uccelli si posavano sugli alberi e cantavano con tanta dolcezza che i bambini sospendevano i loro giochi per ascoltarli. -Quanto siamo felici qui!- si dicevano.

Un giorno il gigante ritornò. Era stato a far visita al suo amico, il mago di Cornovaglia, e la sua visita era durata sette anni. Alla fine del settimo anno, aveva esaurito quanto doveva dire perché la sua conversazione era assai limitata, e decise di far ritorno al castello. Al suo arrivo vide i bambini che giocavano nel giardino. -Che fate voi qui?- esclamò con voce berbera, e i bambini scapparono. -Il mio giardino è solo mio! -disse il gigante- lo sappiano tutti: nessuno, all’infuori di me, può giocare qui dentro. Costruì un alto muro tutto intorno e vi affisse un avviso: GLI INTRUSI SARANNO PUNITI Era una gigante molto egoista.

I poveri bambini non sapevano più dove giocare. Cercarono di giocare sulla strada, ma la strada era polverosa e piena di sassi, e non piaceva a nessuno. Finita la scuola giravano attorno all’alto muro e parlavano del bel giardino. -Com’eravamo felici!- dicevano tra di loro. Poi venne la primavera, e dovunque, nella campagna, v’erano fiori e uccellini. Soltanto nel giardino del gigante regnava ancora l’inverno. Gli uccellini non si curavano di cantare perché non c’erano bambini e gli alberi dimenticarono di fiorire. Solo la neve e il ghiaccio erano soddisfatti. -La primavera ha dimenticato questo giardino -esclamarono- perciò noi abiteremo qui tutto l’anno. La neve copriva l’erba con il suo grande manto bianco e il ghiaccio dipingeva d’argento tutti gli alberi.[...]

-Non riesco a capire perché la primavera tardi tanto a venire -disse il gigante egoista mentre, seduto presso la finestra, guardava il suo giardino gelato e bianco: -Mi auguro che il tempo cambi. Ma la primavera non venne mai e nemmeno l’estate. L’autunno diede frutti d’oro a tutti i giardini, ma nemmeno uno a quello del gigante. Era sempre inverno laggiù e il vento del Nord, la Grandine, il gelo e la Neve danzavano tra gli alberi. Una mattina il gigante udì dal suo letto una dolce musica;pensò subito che fossero di musicanti del re che passavano nelle vicinanze. Era solo un merlo che cantava fuori dalla sua finestra, ma da tanto tempo non udiva un uccellino cantare nel suo giardino, che gli parve la musica più bella del mondo. La Grandine cessò di danzare sulla sua testa, il Vento del Nord smise di fischiare e un profumo delizioso giunse attraverso la finestra aperta.

-Credo che finalmente la primavera sia venuta- disse il gigante; balzò dal letto e guardò fuori della finestra. Che vide? Una visione meravigliosa. I fanciulli entrati attraverso un’apertura del muro e sedevano sui rami degli alberi. Su ogni albero che il gigante poteva vedere c’era un bambino. Gli alberi,felici di riavere i fanciulli, s’erano ricoperti di fiori e gentilmente dondolavano i rami sulle loro testoline. Gli uccellini svolazzavano intorno cinguettando felici e i fiori sollevavano il capo per guardare di sopra l’erba verde e ridevano. Era una bella scena.

Solo in un angolo regnava ancora l’inverno. Era l’angolo più remoto del giardino, e vi stava un bambinetto. Era tanto piccolo che non riuscire a raggiungere il ramo dell’albero e vi girava intorno piangendo disperato. Il povero albero era ancora coperto dal gelo e dalla neve e sopra di esso il vento del nord fischiava. -Arrampicati piccolo- disse l’albero e piegò i suoi rami quanto più poté: ma il bimbetto era troppo piccino. A quella vista il cuore del gigante si intenerì. -Come sono stato egoista!- disse.-Ora so perché la primavera non voleva venire. Metterò quel bambino in cima all’albero poi abbatterò il muro e il mio giardino sarà, per sempre, il campo di giochi dei bambini. – Era veramente addolorato per quanto aveva fatto. Scese adagio le scale e aprì la porta d’ingresso. Ma quando i bambini lo videro, si spaventarono tanto che scapparono, e nel giardino regnò di nuovo l’inverno. Soltanto il bambinetto non scappò; i suoi occhi erano così colmi di lacrime che non vide venire il gigante. E il Gigante giunse di soppiatto dietro a lui, lo prese delicatamente nella sua mano e lo mise sull’albero. E l’albero fiorì, gli uccellini vennero a cantare e il bambino allungò le braccine, si avvicinò al collo del gigante e lo baciò. Non appena gli altri bambini videro che il gigante non era più cattivo, ritornarono di corsa e con essi venne la primavera. -Ora questo è il vostro giardino, bambini – disse il gigante e, presa una grande ascia, abbatté il muro. Cosi’ il gigante e i bambini giocarono tutto il giorno e la sera i bambini salutarono il gigante. -Dov’è il vostro piccolo amico? – disse: -Il bambino che io ho messo sull’albero?- Il gigante l’amava più di tutti perché l’aveva baciato. -Non lo sappiamo -risposero i bambini- se n’è andato. -Dovete dirgli che domani deve assolutamente venire- disse il gigante. Ma i bambini risposero che non sapevano dove abitasse e che prima non l’avevano mai veduto, e il gigante si sentì molto triste. Ogni pomeriggio, finita la scuola, i bambini venivano a giocare con il gigante. Ma il bambinetto che il gigante prediligeva non si vide più. Il gigante desiderava il suo piccolo amico e spesso parlava di lui. -Quanto mi piacerebbe vederlo-diceva sovente.

Gli anni passarono, e il gigante divenne vecchio e debole. Non poteva più giocare; sedeva in una grande poltrona e osservava i bambini mentre giocavano e ammirava il suo giardino.-Ho molti bei fiori- diceva- ma i bambini sono i fiori più belli. Una mattina d’inverno, mentre si vestiva,guardò fuori dalla finestra. Ora non odiava più l’inverno perché sapeva che era soltanto la primavera addormentata e che i fiori si riposavano. Ad un tratto si fregò gli occhi sorpreso e si mise a guardare intensamente. Nell’angolo più remoto del giardino v’era un albero interamente ricoperto di fiori bianchi. Dai rami d’oro pendevano frutti d’argento, e sotto di essi stava il bambinetto ch’egli aveva amato. Il gigante scese di corsa e, tutto acceso di gioia, uscì nel giardino. Si affrettò sull’erba e s’avvicinò al bambino. Quando gli fu vicino si fece rosso di collera e disse: -Chi ha osato ferirti?- perché il bambino aveva il segno di due chiodi sul palmo delle mani e sui piedi. -Chi ha osato ferirti?- esclamò il gigante- dimmelo e io prenderò la mia grossa spada e l’ammazzerò. -No- rispose il bambino- queste sono soltanto le ferite dell’amore. -Chi sei?- chiese il gigante, e uno strano stupore s’impadronì di lui e s’inginocchiò dinanzi al bambino. Il bambino gli sorrise e disse: -Un giorno mi lasciasti giocare nel tuo giardino, oggi verrai a giocare nel mio giardino, che è il Paradiso. Quando nel pomeriggio i fanciulli entrarono di corsa nel giardino trovarono il gigante morto, ai piedi dell’albero tutto coperto di fiori candidi.



_________________
"Stranger in the strange land..."
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
AleTheElf
L' Oste
L' Oste
avatar

Messaggi : 783
Punti : 1100
Rinomanza dei post : 53
Data d'iscrizione : 21.10.10
Località : Siracusa, Sicilia

MessaggioTitolo: Re: Il Gigante Egoista   Lun Nov 29, 2010 1:37 pm

Conoscevo già questa storia....Anche io adoro O. Wilde! cheers

_________________

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://elvenpath76.blogspot.com/
MichaelaFairy
Fata di Avalon
Fata di Avalon
avatar

Messaggi : 1613
Punti : 2345
Rinomanza dei post : 62
Data d'iscrizione : 10.11.10
Località : Canada

MessaggioTitolo: Re: Il Gigante Egoista   Lun Nov 29, 2010 10:59 pm

well, it is a nice story but at the same time very sad.Because at the end of the story the giant died. But then again all of us will have an end. At least the giant from your story will get into heaven because he turned into a good giant. I will never forget this story. :#fati':
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
MichaelaFairy
Fata di Avalon
Fata di Avalon
avatar

Messaggi : 1613
Punti : 2345
Rinomanza dei post : 62
Data d'iscrizione : 10.11.10
Località : Canada

MessaggioTitolo: Re: Il Gigante Egoista   Lun Nov 29, 2010 11:01 pm

:#fati':
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
FairyViolet
Fata Cuciniera
Fata Cuciniera
avatar

Messaggi : 368
Punti : 633
Rinomanza dei post : 21
Data d'iscrizione : 08.11.10
Località : Ovunque, danzando con il vento

MessaggioTitolo: Re: Il Gigante Egoista   Mar Nov 30, 2010 9:42 am

è una bella storia tenera e anche un po' triste, ma allo stesso tempo ha una bella fine.... I love you I love you

_________________
"Se qualcosa o qualcuno non si vede, non significa che sia inesistente... potrebbe semplicemente celarsi
dietro un leggero velo di nebbia, oltre il quale solo animi sensibili riescono a vedere, perchè non si sono piegati
alla razionalità, ma hanno mantenuto quel piccolo lampo di follia che gli da la possibilità di viaggiare anche per mondi astratti...
Non considerate pazze queste persone, ma imparate da esse a vedere oltre il visibile"
di Fairy Violet
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://arteincasaenonsolo.forumattivo.it
Memole
Addetto ai Tavoli
Addetto ai Tavoli
avatar

Messaggi : 46
Punti : 58
Rinomanza dei post : 0
Data d'iscrizione : 26.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il Gigante Egoista   Lun Feb 28, 2011 12:56 pm

Anch'io già la conoscevo... è stato un piacere ritrovarla qui!!!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://fantasylandgraphic.xoom.it
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Il Gigante Egoista   

Tornare in alto Andare in basso
 
Il Gigante Egoista
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» info semina sequoia gigante
» Riesenschnauzer o Schnauzer gigante
» Il Calamaro gigante
» Babà, un cane gigante in un corpo di cane piccolo...
» Fontana gigante

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi :: La Cantina dei Sognatori :: Cinema & Letteratura Fantasy :: Letteratura Fantasy & Mitologia :: Fiabe in Italiano-
Andare verso: