La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista utentiGruppiRegistrarsiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Parola d'ordine:
Connessione automatica: 
:: Recuperare la parola d'ordine
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Il Natale del gatto Romeo (Fiaba natalizia)
Mar Dic 08, 2015 2:38 pm Da AleTheElf

» La leggenda del Maneki neko (video)
Lun Ott 26, 2015 4:13 pm Da AleTheElf

» Largo,gente: arriva il sito di Romeo!
Lun Mag 11, 2015 9:28 pm Da AleTheElf

» La Pratica Con i Tarocchi
Lun Mar 23, 2015 7:40 pm Da Arwen

» ♥♥♥Ave Maria - Leo Rojas ♥♥♥
Dom Mar 01, 2015 6:42 pm Da Keewna

» Nature - Harmony
Dom Mar 01, 2015 5:42 pm Da Keewna

» Chirapaq, Świnoujście
Dom Mar 01, 2015 5:18 pm Da Keewna

» Bonus 30 punti Elven's top 100
Dom Ott 19, 2014 7:22 pm Da Jupiter

» Insolita richiesta
Ven Ago 01, 2014 7:29 am Da Tancredi

» Uther Pendragon (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 2:30 pm Da Faun

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Cernunnos80
 
Straniero77
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook

Condividere | 
 

 Le Rune - Origini

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Arwen
Druido
Druido


Messaggi : 590
Punti : 1363
Rinomanza dei post : 17
Data d'iscrizione : 07.09.11
Località : EternalFire

MessaggioOggetto: Le Rune - Origini   Gio Set 08, 2011 6:32 am



Le Rune sono un antico alfabeto utilizzato dalle popolazioni germaniche per scrivere e fare magia. L’uso magico viene suggerito dal nome stesso: runa significa, infatti, bisbiglio, segreto, mistero. Furono usate in tutto il Nord Europa, Scandinavia, Isole Britanniche e Islanda nel periodo che va dal 100 a.C. circa fino al 1600 d.C. Alcune iscrizioni runiche antiche sono state trovate anche in Nord America, a conferma del fatto che i Vichinghi vi arrivarono molto prima di Colombo.L’origine storica, il luogo e la ragione primaria della loro creazione rimangono un mistero. L’unico dato certo in nostro possesso è che le prime a usarle furono gli Eruli, una tribù germanica della fascia alpina.I valori spirituali delle Rune si sono sviluppati nel tempo e hanno una stretta connessione con la religione e la mitologia germaniche. Il legame è tale da rendere inutile lo studio delle Rune senza una buona conoscenza di base del mondo germanico.Il bellissimo poema Hávamál (il canto dell’Eccelso), risalente al 1200 circa, riporta l’atto di auto-sacrificio con cui Wodan evocò le Rune. Vale la pena di notare che nessun mito parla della creazione delle Rune: poiché in esse è codificato l’intero universo, i Germani le consideravano al di sopra di un atto creativo.

"So che pendetti dall’Albero spazzato dal vento,
Per nove giorni interi e notti,
Ferito dalla mia stessa lancia, offerto a Wodan,
Io stesso immolato a me stesso:
Impiccato all’Albero che nessuno sa
Da quali radici cresca.

Nessuno mi confortò mai con cibo o bevande,
Guardai nel fondo degli abissi più profondi,
Con un possente grido portai in superficie le Rune,
Poi caddi da lassù.



Di lì a poco vidi i frutti del mio gesto e mi rimisi completamente in salute,
Crebbi in saggezza e ne gioii;
Una parola seguiva un’altra parola, trovai per me parole,
Un’azione seguiva un’altra azione, tessevo azioni."

Hávamál – strofe 138-141


Dopo aver ottenuto questa conoscenza, Wodan la passò a Freya in cambio della magia del seiðr (preveggenza). Freya, a sua volta, la passò a Heimdall, che insegnò le Rune all’umanità.

La prima versione dell’alfabeto runico è lo “Elder Futhark”, composto da 24 Rune combinate in 3 gruppi di 8 ciascuno. Ogni gruppo è noto con il nome di ætt e comprende Rune unite da un tema comune.Alcuni simboli runici sono, probabilmente, derivati da altri alfabeti, come il greco, l’etrusco e l’antico latino. I caratteri sono composti da linee dritte per permetterne l’incisione su legno o pietra. Le iscrizioni più antiche in nostro possesso sono su pietra e risalgono alla fine del 3° secolo.Lo Elder Futhark si diffuse in Scandinavia, dove, con il tempo, si ridusse a 16 Rune, originando il cosiddetto “Younger Futhark”, usato fino al 17° secolo.Tra il 400 e il 600 Angli, Sassoni e Juti invasero le Isole Britanniche, portando le Rune con sé. La forma di molti simboli cambiò, le differenti esigenze linguistiche portarono all’aggiunta di 9 simboli e furono cambiate alcune corrispondenze tra simbolo e lettera. Questo nuovo alfabeto di 33 simboli è lo “Anglo-Saxon FuÞorc”, utilizzato fino all’11° secolo. Ancora oggi, nella lingua tedesca, il verbo "raunen" significa "sussurrare".Non esistono annotazioni storiche sulla nascita delle Rune, anche se questo dato non è molto rilevante per colui che studia gli archetipi nordici dal punto di vista esoterico e non storico.Si può dire che esse esistano da sempre come elementi fondamentali della Tradizione e dello Sciamanesimo Vichingo. Sono un sistema di sapere sacro poiché contengono il segreto stesso dell’esistenza. Per poter usare appieno la magia della nostra Tradizione è necessaria una conoscenza attiva delle Rune, l’uso corretto di esse e della loro interpretazione. Ciò permette all’Uomo di poter assorbire la Conoscenza superiore e d’intervenire e talora modificare il corso degli eventi.

Un’antica citazione di un Maestro runico dice:

"Un uomo non dovrebbe incidere le Rune se non è in grado di leggerle correttamente, perché più di un uomo è caduto su un'asta runica poco chiara. Ho visto 10 aste runiche intagliate su un osso di balena raschiato che prolungavano ulteriormente una lunga malattia".

Le Rune sono un efficace strumento magico di protezione e assistenza e ognuna è in risonanza con l'aspetto dell'Ond (energia universale) da essa rappresentato.Ogni Runa ha in sé un mistero iniziatico, una profondità non facilmente sondabile.Esse sono simboli esoterici e un simbolo, si sa, non può essere spiegato attraverso le parole, perché destinato a toccare le corde dell’anima. Così esso può essere soprattutto compreso e non capito. Ogni Runa rappresenta un aspetto diverso delle Forze, delle Leggi primordiali. Nove sono le Rune che Odino raccoglie dopo il sacrificio sull’Yggdrasil. Nove è il numero sacro, il numero della realizzazione e, in ultimo, il numero che in magia esprime la massima potenza: la Forza del 3x3.Nel corso dei secoli, alle nove Rune se ne aggiunsero altre diventando prima 16, poi 18, 24, 26 e infine 28. La serie completa più antica fu rinvenuta nel 5° secolo a Kylver nel Gotlan, in Svezia.Esse vennero utilizzate dapprima come scrittura sacra e poi come alfabeto norreno. L’antico alfabeto runico, composto da 24 Rune, è chiamato Futhark e deriva dal fatto che le lettere che compongono questo nome, sono le iniziali delle prime 6 Rune. L’alfabeto è suddiviso in 3 Aettir, cioè in tre "famiglie" chiamate Feo-aett (famiglia di Feo), Hagal-aett (famiglia di Hagal) e Tyr-aett (famiglia di Tyr).
Gli Antichi Simboli avevano però anche funzioni criptiche, sistemi runici di comunicazione non scritti come i movimenti delle dita delle mani o dell’intero corpo e Rune Hog, che permettono di collegarsi con l’inconscio collettivo.Innanzitutto è importante comprendere che le Rune sono simboli di Fuoco e che ognuna si basa su tre elementi:

1. l’asse eretto

2. l’asse obliquo

3. la linea spezzata.

Questi tre elementi sono così interpretabili:

1. l’asse universale

2. la linea obliqua che indica il dono degli Dèi quando la linea scende verso il basso e il sacrificio o ritorno agli Dèi quando la linea sale verso l’alto

3. l’unione delle due direzioni

A questo aggiungiamo quanto segue:

1. L’archetipo, cioè l’essenza profonda del Suono e la sua espressione nel mondo materiale.

2. Il piano superiore, o piano degli dèi

3. Il piano inferiore, o piano degli uomini.

Esiste una giornata nel corso dell’anno (25 agosto) che viene considerata l’anniversario della "scoperta" delle Rune, ma che sostanzialmente vuole ricordare la consapevolezza del sacrificio e la dedizione dell’uomo che diventa sciamano, uomo di Conoscenza, uomo-dio.Per nominare le singole Rune ho volutamente usato dei termini germanici e non norreni (nordici antichi). Questa scelta è conseguente al fatto che essendo le Rune Suoni primordiali, concentrano nella loro pronuncia originale una potenza che va usata solo in determinati momenti.Tale affermazione vuole sottolineare l’importanza di questi archetipi nordici, che purtroppo sempre più spesso vengono utilizzati senza una conoscenza adatta. Ciò, oltre ad essere poco rispettoso, può rivelarsi non idoneo, infatti esse celano in realtà un potente veicolo di Potere che è quindi bene non utilizzare se non ne si ha una ottima conoscenza. Come ogni veicolo di Potere, non ha una dualità di per sé, ma l’acquista nel momento in cui viene a contatto con l’essere umano. Negli ultimi anni le Rune sono apparse anche in Italia soprattutto in forma divinatoria. Sostituiscono i Tarocchi o altre forme di mantiche. In questo modo si propone al consultante un sistema alternativo che desta senz’altro curiosità. In questi casi il valore delle Rune viene sminuito anche da chi le propone se non ci sono le conoscenze di base adatte.Ad ogni modo, esse vengono date all’uomo per Conoscere e per essere utilizzate ed è quindi giusto e addirittura auspicabile che sempre più persone si avvicinino a questo antico Sapere affinché possano utilizzarlo con il dovuto rispetto.

Sulle Rune

"Rune tu troverai e caratteri chiari,

caratteri molto grandi

caratteri molto saldi

che dipinse il Possente Poeta

fecero gli Dèi

e incise la Voce degli Dèi.

Tu sai come incidere? Tu sai come interpretare?

Tu sai come dipingere? Tu sai come mettere alla prova?

Tu sai come chiedere? Tu sai come immolare?

Tu sai come inviare? Tu sai come sacrificare?

----------------------------------------------------------------------

"Ci sono Rune del libro

Ci sono Rune della nascita

E tutte le Rune della birra

E vere Rune di Potenza,

per chi chiare le apprenda

e intatte possa averle

per sé su amuleti propizi.

Godine, se le hai acquisite,

finchè gli Eccelsi non abbian fine."

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://eternalfire.altervista.org
Straniero77
Aiutante Taverniere
Aiutante Taverniere


Messaggi : 310
Punti : 452
Rinomanza dei post : 40
Data d'iscrizione : 03.11.10

MessaggioOggetto: Re: Le Rune - Origini   Gio Set 08, 2011 10:29 am

Argomento di indubbio fascino...come tutto ciò che è legato al mondo esoterico...

_________________
"Stranger in the strange land..."
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
PixieK.
Ramingo
Ramingo


Messaggi : 14
Punti : 20
Rinomanza dei post : 0
Data d'iscrizione : 23.03.12
Località : I Boschi dell'Est | Bari

MessaggioOggetto: Re: Le Rune - Origini   Sab Mar 24, 2012 10:13 am

Approfitto per aggiungere un appunto!!! :D Il 6 Aprile di ogni anno si festeggiaaaaaaaaaa :D

E' la FESTA DELLE RUNE!
Se volete crearle, benedirle, caricarle, consacrarle, comprarle, regalarle, leggere... questo è il giorno di massima energia!!! <3
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Le Rune - Origini   Oggi a 10:09 am

Tornare in alto Andare in basso
 
Le Rune - Origini
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Semla il maritozzo del nord...
» L'akita inu
» Le origini dell'unifeed del Dott. Stefano Figurella

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi :: I Sotterranei :: Mistero & Occulto :: Esoterismo-
Andare verso: