La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista utentiGruppiRegistrarsiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Recuperare la parola d'ordine
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Il Natale del gatto Romeo (Fiaba natalizia)
Mar Dic 08, 2015 2:38 pm Da AleTheElf

» La leggenda del Maneki neko (video)
Lun Ott 26, 2015 4:13 pm Da AleTheElf

» Largo,gente: arriva il sito di Romeo!
Lun Mag 11, 2015 9:28 pm Da AleTheElf

» La Pratica Con i Tarocchi
Lun Mar 23, 2015 7:40 pm Da Arwen

» ♥♥♥Ave Maria - Leo Rojas ♥♥♥
Dom Mar 01, 2015 6:42 pm Da Keewna

» Nature - Harmony
Dom Mar 01, 2015 5:42 pm Da Keewna

» Chirapaq, Świnoujście
Dom Mar 01, 2015 5:18 pm Da Keewna

» Bonus 30 punti Elven's top 100
Dom Ott 19, 2014 7:22 pm Da Jupiter

» Insolita richiesta
Ven Ago 01, 2014 7:29 am Da Tancredi

» Uther Pendragon (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 2:30 pm Da Faun

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Cernunnos80
 
Straniero77
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook

Condividere | 
 

 La teologia Menfita

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Arwen
Druido
Druido
avatar

Messaggi : 590
Punti : 1363
Rinomanza dei post : 17
Data d'iscrizione : 07.09.11
Località : EternalFire

MessaggioOggetto: La teologia Menfita   Mer Ott 05, 2011 8:54 pm

La teologia menfita nacque in seguito a circostanze politiche che avevano indotto i sovrani delle prime dinastie a stabilire, al confine dei due antichi regni, una città che aumentò la sua importanza sino a diventare la capitale dell’Egitto unificato: Menfi.
Considerando che in quell’epoca il dio della capitale era la divinità principale del paese si ricorse alla creazione di un nuovo sistema teologico in modo da poter dare la priorità a Ptah, dio di Menfi, togliendola ad Atum, dio di Eliopoli.
La teologia segue quella eliopolitana solo come schema storico, ma ne trasforma lo spirito modificandone i dati costitutivi per poterli adattare al nuovo culto.
Ptah divenne così il Demiurgo, il dio-creatore, identificato in Ur wr, il “Grande”, che in virtù della sua forza s’innalza dal caos e dà vita ad una nuova Enneade.
Questa Enneade è formata da otto divinità:
Tatenen, dio menfita personificazione della terra che emerge dal caos.
Nun l’oceano primordiale e la sua compagna Nunet.
Atum e altre quattro divinità che si crede si possano identificare con Horo, Thot, Nefertem ed un dio serpente.
Probabilmente nel periodo della terza dinastia è possibile datare l’originale di una trascrizione epigrafica “Stele del faraone Shabaka” ,XXV dinastia, nota come “teologia menfita”.
Questa è la traduzione fatta da Sergio Donadoni (La religione nell’Antico Egitto. Testi Religiosi):
”Gli dei che ha l’aspetto di Ptah:
Ptah sul grande trono …
Ptah_Nun, il padre che (generò) Atum.
Ptah_Nunet la madre che partorì Atum./
Ptah il Grande.
E’ il cuore e la lingua dell’Enneade.

Egli ha l’aspetto di cuore come immagine di Atum; egli ha aspetto di lingua come immagine di Atum.
E’ il grandissimo Ptah che ha stabilito (la vita) a tutti gli dei e ai loro ka con questo cuore e con questa lingua in cui Horo ha preso forma come Ptah, in cui Thot ha preso forma come Ptah.
Accade che il cuore e la lingua abbiano potere su tutte le altre membra, per la dottrina che (il cuore) è in ogni corpo e (la lingua) è in ogni bocca di tutti gli dei, di tutti gli uomini, di tutti gli animali, di tutti i rettili, di tutto quel che vive, mentre (il cuore) pensa e (la lingua) comanda tutto ciò che essi vogliono.
La sua (cioè di Ptah) Enneade è in cospetto a lui come denti e labbra, sono il seme e le mani di Atum.
Infatti è venuta in esistenza per l’Enneade per il seme e le mani di Atum.
L’Enneade invero è i denti e le labbra di questa bocca che pronunciò i nomi di ogni cosa, da cui sono usciti Shu e Tefnut che han generato l’Enneade.
Il vedere degli occhi, l’udire delle orecchie, il respirare del naso fan salire al cuore.
Ed esso fa che esca ogni conoscenza. E’ la lingua che ripete quel che ha pensato il cuore. Così nacquero tutti gli dei e fu compiuta la sua Enneade.
Venne in esistenza ogni parola divina per mezzo di quel che il cuore aveva pensato e che la lingua aveva ordinato.
Così furono fatti i ka e le hemsut, che procurano ogni abbondanza e ogni offerta per mezzo di questa parola.
(Fu data la giustizia) a chi fa quel che si ama (e il torto) a chi fa quel che si detesta.
Così fu data la vita al buono e fu data la morte al malvagi. Così fu fatto ogni lavoro ed ogni arte, il fare delle mani, l’andare dei piedi, il moto di tutte le membra secondo il comando pensato dal cuore e espresso dalla lingua, che compie l’essenza del tutto.
Accadde che lo si chiamasse (Ptah), “Colui che ha fatto il tutto e che ha chiamato in esistenza gli dei”:
E’ Ptah-Tatenen che ha creato gli dei, da cui è uscita ogni cosa, come offerte e abbondanza, come offerta agli dei, come ogni cosa buona.
Così Ptah fu contento dopo che ebbe creato ogni cosa ed ogni parola divina.
Egli creò gli dei, fece le città, fondò i nomoi (cioè i distretti), pose gli dei nei loro santuari, consolidò le loro offerte, fondò i loro santuari, fece i loro corpi simili ai loro desideri.
Così entrarono gli dei nei loro corpi di qualsiasi specie di legno, di qualsiasi specie di pietra, di qualsiasi specie di minerali (cioè ogni tipo di statua divina), di qualsiasi specie di sostanze che nascano su di lui (cioè Ptah, identificato ora con Geb, dio-terra) e di cui essi abbiano preso l’aspetto.
Così si sono riuniti per lui tutti gli dei ed i loro ka, contenti ed uniti con il Signore delle Due Terre”.

La teologia menfita è una dottrina nettamente spirituale basata sull’intelletto e la supremazia del verbo.
Un dio che crea con il cuore e con l’espressione è senz’altro una delle conquiste più alte del pensiero religioso egizio.
Gli dei dell’Enneade non sono più il concretarsi di un’azione, non sono più la mano, il seme, lo sputo del demiurgo ad essere creati, ma sono considerati i denti e le labbra di Ptah, cioè il risultato della parola articolata messa al servizio dell’intelligenza.
L’intelligenza e la parola divina personificate in Horo e Thot, assumono il compito di chiamare in esistenza quel che esiste.

La teologia menfita, proprio per il suo carattere nettamente intellettuale, non fu mai molto popolare, apprezzata però dai teologi che la adattarono al culto delle divinità che adoravano.

_________________

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://eternalfire.altervista.org
 
La teologia Menfita
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi :: Inside the Tavern :: La Taverna (OT) :: Storia :: Speciale Antico Egitto :: Cultura, Religione e Società-
Andare verso: