La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Il Natale del gatto Romeo (Fiaba natalizia)
Mar Dic 08, 2015 2:38 pm Da AleTheElf

» La leggenda del Maneki neko (video)
Lun Ott 26, 2015 4:13 pm Da AleTheElf

» Largo,gente: arriva il sito di Romeo!
Lun Mag 11, 2015 9:28 pm Da AleTheElf

» La Pratica Con i Tarocchi
Lun Mar 23, 2015 7:40 pm Da Arwen

» ♥♥♥Ave Maria - Leo Rojas ♥♥♥
Dom Mar 01, 2015 6:42 pm Da Keewna

» Nature - Harmony
Dom Mar 01, 2015 5:42 pm Da Keewna

» Chirapaq, Świnoujście
Dom Mar 01, 2015 5:18 pm Da Keewna

» Bonus 30 punti Elven's top 100
Dom Ott 19, 2014 7:22 pm Da Jupiter

» Insolita richiesta
Ven Ago 01, 2014 7:29 am Da Tancredi

» Uther Pendragon (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 2:30 pm Da Faun

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Cernunnos80
 
Straniero77
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook

Condividere | 
 

 Il mito della Fenice

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Straniero77
Aiutante Taverniere
Aiutante Taverniere
avatar

Messaggi : 310
Punti : 452
Rinomanza dei post : 40
Data d'iscrizione : 03.11.10

MessaggioTitolo: Il mito della Fenice   Mar Dic 14, 2010 2:26 pm

Nelle leggende ebraiche, la Fenice viene chiamata Milcham. Dopo aver mangiato il frutto proibito, Eva divenne gelosa dell’immortalità e della purezza delle altre creature del Giardino dell’Eden. Quindi convinse tutti gli animali a mangiare a loro volta il frutto proibito, affinché seguissero la sua stessa sorte. Tutti gli animali cedettero, tranne la Fenice; x questo motivo Dio la ricompensò ponendola in una città fortificata, dove avrebbe potuto vivere in pace per 1000 anni; alla fine di questo periodo l’uccello bruciava e risorgeva da un uovo che veniva trovato fra le sue ceneri. La fenice è chiamata anche "custode della sfera terrestre" perchè segue il sole nel suo giro e ,dispiegando le ali, ne ghermisce i raggi infuocati del sole. Se infatti non li intercettasse nè l’uomo nè alcun altro essere sopravviverebbe. Sulla sua ala destra sono scritte a lettere cubitali, alte circa quattromila stadi, queste parole: "Non è stata la terra a generarmi, e nemmeno i cieli, ma solo le ali di fuoco". Secondo la legenda, la Fenice si ciba della manna del cielo e della rugiada della terra.
Enoc(patriarca antidiluviano, bisnonno di Noè) vide le fenici quando fu rapito in cielo e le descrisse come creature alate, meravigliose e strane a vedersi , purpuree come l’arcobaleno. Avevano dodici ali come gli angeli, scortavano il carro del sole seguendolo nel suo corso e dispensando calore e rugiada, così come Dio aveva comandato loro.
Nel simbolismo cristiano, essa è la rappresentazione della resurrezione di Gesù, per questo la sua immagine ricorre frequentemente nell’iconografia delle catacombe.
Anche per gli antichi Egizi la fenice era simbolo di resurrezione; nel libro dei morti si trova infatti una formula per far assumere al defunto la forma di Bennu-fenice. La descrizione del Bennu Fenice era quella di un’aquila reale, dal piumaggio di colori splendidi, il collo color d’oro, rosse le piume del corpo e azzurra la coda con penne rosee, ali in parte d’oro
e in parte di porpora, un lungo becco affusolato, lunghe zampe e due lunghe piume — una rosa e una azzurra — che le scivolano morbidamente giù dal capo (o erette sulla sommità del capo). In Egitto era solitamente raffigurata incoronata con l’Atef o con l’emblema del disco solare. Nel periodo Medioevale, secondo gli alchimisti la Fenice altro non era che la Pietra Filosofale stessa il simbolo del compimento della Trasmutazione Alchemica, processo Misterico equivalente alla rigenerazione umana.
Questo uccello è presente praticamente nella mitologia di tutto il mondo. Il racconto forse più famoso è quello contenuto nella "Storie" di Erodoto. Qui la Fenice viene descritta come un essere che vive cinquecento anni per poi morire bruciata e rinascere dalle proprie ceneri in cima ad un albero sacro, nel tempio di Eliopolis, in Egitto. Proprio come il sole, che è sempre lo stesso e risorge solo dopo che il sole "precedente" è tramontato, di Fenice ne esisteva sempre un unico esemplare per volta. Era il simbolo del sole e del dio Osiride dal cui cuore era emersa. Cosi ne parla Ovidio (Metamorfosi) "… si ciba non di frutta o di fiori, ma di incenso e resine odorose. Dopo aver vissuto 500 anni, con le fronde di una quercia si costruisce un nido sulla sommità di una palma, ci ammonticchia cannella, spigonardo e mirra, e ci s’abbandona sopra, morendo, esalando il suo ultimo respiro fra gli aromi. Dal corpo del genitore esce una giovane Fenice, destinata a vivere tanto a lungo quanto il suo predecessore. Una volta cresciuta e divenuta abbastanza forte, solleva dall’albero il nido (la sua propria culla, ed il sepolcro del genitore), e lo porta alla città di Heliopolis in Egitto, dove lo deposita nel tempio del Sole."
Tacito arricchisce la storia, descrivendo come la giovane fenice sollevi il corpo del proprio genitore morto fino a farlo bruciare nell’altare del Sole. Secondo altri scrittori la fenice morta si trasforma in un uovo, prima di essere portata verso il Sole, ove rinasce.
Dante Alighieri così descrive la Fenice (Inferno XXIV, 107-111): "Così per li gran savi si confessa che la fenice more e poi rinasce, quando al cinquecentesimo anno appressa; erba né biado in sua vita non pasce, ma sol d’incenso lagrime e d’amomo, e nardo e mirra son l’ultime fasce. "

_________________
"Stranger in the strange land..."
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
FairyViolet
Fata Cuciniera
Fata Cuciniera
avatar

Messaggi : 368
Punti : 633
Rinomanza dei post : 21
Data d'iscrizione : 08.11.10
Località : Ovunque, danzando con il vento

MessaggioTitolo: Re: Il mito della Fenice   Mar Dic 14, 2010 8:35 pm

conoscevo la storia in versione ridotta, bello riscoprire questo mito in maniera più ampia Smile

_________________
"Se qualcosa o qualcuno non si vede, non significa che sia inesistente... potrebbe semplicemente celarsi
dietro un leggero velo di nebbia, oltre il quale solo animi sensibili riescono a vedere, perchè non si sono piegati
alla razionalità, ma hanno mantenuto quel piccolo lampo di follia che gli da la possibilità di viaggiare anche per mondi astratti...
Non considerate pazze queste persone, ma imparate da esse a vedere oltre il visibile"
di Fairy Violet
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://arteincasaenonsolo.forumattivo.it
MichaelaFairy
Fata di Avalon
Fata di Avalon
avatar

Messaggi : 1613
Punti : 2345
Rinomanza dei post : 62
Data d'iscrizione : 10.11.10
Località : Canada

MessaggioTitolo: Re: Il mito della Fenice   Mar Dic 14, 2010 10:50 pm

That myth is so beautiful, Bellissimo! , and really great picture. I agree with FairyViolet this myth is used widely ,also in literature.
William Shakespeare used the Phoenix, Elizabeth I used the Phoenix as a royal badge , in the story " Harry Potter" the Phoenix is a central symbol and so on...
Thanks study
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Il mito della Fenice   

Tornare in alto Andare in basso
 
Il mito della Fenice
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Consigli della Nonna
» costo della vita a stoccolma
» Innamorato della mia terra.
» Misuratori d'umidità della legna
» la bellezza della primavera ...

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi :: La Cantina dei Sognatori :: Cinema & Letteratura Fantasy :: Letteratura Fantasy & Mitologia :: Mitologia :: Mitologia di altri popoli-
Andare verso: