La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista utentiGruppiRegistrarsiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Parola d'ordine:
Connessione automatica: 
:: Recuperare la parola d'ordine
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Il Natale del gatto Romeo (Fiaba natalizia)
Mar Dic 08, 2015 2:38 pm Da AleTheElf

» La leggenda del Maneki neko (video)
Lun Ott 26, 2015 4:13 pm Da AleTheElf

» Largo,gente: arriva il sito di Romeo!
Lun Mag 11, 2015 9:28 pm Da AleTheElf

» La Pratica Con i Tarocchi
Lun Mar 23, 2015 7:40 pm Da Arwen

» ♥♥♥Ave Maria - Leo Rojas ♥♥♥
Dom Mar 01, 2015 6:42 pm Da Keewna

» Nature - Harmony
Dom Mar 01, 2015 5:42 pm Da Keewna

» Chirapaq, Świnoujście
Dom Mar 01, 2015 5:18 pm Da Keewna

» Bonus 30 punti Elven's top 100
Dom Ott 19, 2014 7:22 pm Da Jupiter

» Insolita richiesta
Ven Ago 01, 2014 7:29 am Da Tancredi

» Uther Pendragon (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 2:30 pm Da Faun

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Cernunnos80
 
Straniero77
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook

Condividere | 
 

 Le Tazze Delle tazze

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Arwen
Druido
Druido


Messaggi : 590
Punti : 1363
Rinomanza dei post : 17
Data d'iscrizione : 07.09.11
Località : EternalFire

MessaggioOggetto: Le Tazze Delle tazze   Mar Dic 06, 2011 12:38 am



Tra le selve che accompagnano il fiume verso la pianura lucchese se ne trova una fitta e impervia dove si aprono grotte buie e profonde che la gente chiama Buche delle Fate. Ce ne sono un po’ ovunque sparse qua e là, ma sui fianchi boscosi del monte Gragno se ne aprono di suggestive e misteriose. Una volta, quando nei boschi si raccattava tutto, anche le foglie secche dei castagni, due fratelli divenuti ormai due giovanotti salirono sulla montagna a far legna. Erano forti, ma poveri; coraggiosi, ma stremati da una vita tanto difficile. A casa i loro genitori ormai anziani non potevano più salire nelle selve e i loro lavori domestici venivano svolti con sempre maggiore lentezza. Un giorno i due fratelli si trovavano nei pressi di una di queste buche delle fate, quando cominciò a pioviscolare e, siccome era ormai ora di pranzare, andarono a ripararsi all’interno della grotta. Dai loro corbelli tirarono fuori del pane e del cacio di capra e cominciarono a mangiare, quando videro arrivare due donnine basse, avvolte in un panno grigio con un grosso cesto pieno della cenere che i carbonai sono soliti ammucchiare in una parte della carbonaia. I due giovani le salutarono educatamente e le due signore, che erano le fate del bosco, li guardarono incuriosite, poi aprirono i loro mantelli grigi e ognuna di esse regalò a ciascuno dei due ragazzi una tazza di legno dicendo loro:

“Se riuscirete a riempirla d’acqua e a farvi specchiare la luna piena del mese di maggio, un sentiero d’argento vi guiderà ad una sorgente dove troverete il vostro tesoro”.

Poi le due donne entrarono nella grotta e scomparvero nel buio. La sera i due giovani raccontarono ai loro genitori quanto avevano visto e udito nel bosco e mostrarono loro le due tazze di legno. I genitori non sembrarono né incuriositi né stupiti dall’incontro con le fate e tornarono a scaldarsi nel canto del focolare.
Passarono i mesi e una notte di maggio la luna piena splendeva alta sopra il monte Gragno. Lassù salirono i due giovani e con un fiasco d’acqua riempirono le due tazze proprio di fonte all’entrata della grotta. Fu molto difficile inseguire la luna fra rami, foglie fitte, speroni di roccia, mentre intanto la notte correva via rapidamente. Mancava ormai un’ora al sorgere del sole, quando i due giovani arrivarono sulla vetta. Lassù il cielo era libero e la luna entrò nelle loro tazze. Subito mille riflessi d’argento ribalzarono giù dalla montagna e andarono a moltiplicasi nel letto della Turrite che scorreva fragorosa giù fra alte rocce. I due giovani correvano come due capretti dietro quello sfavillio che come uno sciame di lucciole scendeva giù lungo il torrente finché non si concentrarono su un enorme pietra nei pressi di una sorgente e svanirono nelle prime luci del mattino. I due giovani si guardarono e capirono che lì stava il loro tesoro. Cominciarono a portare pietre, a squadrarle e a metterle una sopra l’altra su quell’enorme pietra piatta e liscia. Dopo qualche mese un bel mulino con la sua ruota macinava da mattina a sera. E non vi fu mai stagione che vide quella ruota fermarsi. I campi vennero coltivati e i boschi seppero dare i loro frutti generosamente. Quel mulino ha lavorato per molti anni. Oggi non c’è più, ma non distante si trova una cascata che la gente chiama “del Pendolino”. Nel mese di maggio le fate vi scendono dalla montagna trasportate dai raggi delle luna piena per attingere l’acqua che in quella notte acquista poteri magici. E se si ascolta bene, ci sembrerà di sentire da lontano la ruota di un mulino mossa dall’acqua.

(di Paolo Fantozzi - Le ultime pubblicazioni di Paolo Fantozzi: "Storie e leggende lungo il fiume Serchio", Le Lettere, 2007, "Storie e leggende della Versilia", Le Lettere, 2005, "Le leggende delle Alpi Apuane", Le Lettere, 2003")

Fonte

_________________

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://eternalfire.altervista.org
MichaelaFairy
Fata di Avalon
Fata di Avalon


Messaggi : 1613
Punti : 2345
Rinomanza dei post : 62
Data d'iscrizione : 10.11.10
Località : Canada

MessaggioOggetto: Re: Le Tazze Delle tazze   Mar Dic 06, 2011 3:14 am

The tale is pretty and has a very beautiful description. I love the end of the tale. study

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Barbanera
Aiutante Taverniere
Aiutante Taverniere


Messaggi : 263
Punti : 377
Rinomanza dei post : 17
Data d'iscrizione : 27.01.11
Località : Palermo

MessaggioOggetto: Re: Le Tazze Delle tazze   Mar Dic 06, 2011 10:09 am

Bellissimo racconto...però lo vedo meglio in "Il Tavolo dei Bardi", in quanto è la sezione dedicata appositamente alle leggende del folklore locale Wink

_________________



YO OH! La gloria! Corre nell'aldilà,
nel mondo VIVO O MORTO lei ti seguirà!
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Le Tazze Delle tazze   Oggi a 11:34 am

Tornare in alto Andare in basso
 
Le Tazze Delle tazze
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Foto delle vacanze
» Laboratorio di filatura delle fibre naturali
» quanto e come sentono il calore delle femmine i vs jackini? sono DISPERATA!!
» Toglietemi delle curiosità, please...
» Chio dei Dogue del Garda x Swat dei Dogue delle Cave 48 giorni

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi :: Inside the Tavern :: Il Tavolo dei Bardi :: Leggende locali-
Andare verso: