La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista utentiGruppiIscrivitiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Parola d'ordine:
Connessione automatica: 
:: Recuperare la parola d'ordine
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Bonus 30 punti Elven's top 100
Dom Ott 19, 2014 9:22 pm Da Jupiter

» Insolita richiesta
Ven Ago 01, 2014 9:29 am Da Tancredi

» Uther Pendragon (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 4:30 pm Da Faun

» Camelot (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 4:25 pm Da Faun

» Timber Town (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 4:21 pm Da Faun

» Native American - Music - (Shoshone)
Mer Lug 09, 2014 11:50 pm Da Keewna

» Wayra - Echos of Time ( Puma, Cougar, Lion des montagnes )
Mer Lug 09, 2014 11:12 pm Da Keewna

» Watcher of Life Kachina
Mer Lug 09, 2014 10:43 pm Da Keewna

» Presentazione
Mer Lug 02, 2014 1:15 am Da MichaelaFairy

» Il viaggio meraviglioso di Nils Kolgerrson
Ven Giu 27, 2014 9:48 pm Da Barbanera

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Cernunnos80
 
Straniero77
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook
La leggenda di Robin Hood552
Condividere | 
 

 La leggenda di Robin Hood

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Straniero77
Aiutante Taverniere
Aiutante Taverniere


Messaggi: 309
Punti: 451
Rinomanza dei post: 40
Data d'iscrizione: 03.11.10

MessaggioOggetto: La leggenda di Robin Hood   Mer Dic 29, 2010 10:31 pm

Nessuno sa se Robin Hood sia realmente esistito. Probabilmente visse, sotto il regno d’Edoardo II o quello di Riccardo Cuor di Leone, un fuorilegge per motivi legati alla caccia di frodo, uomo d’animo nobile e generoso che si nascondeva nella foresta di Sherwood a nord della città di Nottingham.

Il suo nemico giurato era il corrotto sceriffo di Nottingham ma egli era amato dalla gente perché proteggeva le donne dalle molestie, era cortese e ciò che riusciva a rubare lo distribuiva ai più poveri. Usava l’arco lungo ed era considerato il più abile arciere d’Inghilterra, vestiva sempre di verde ed aveva costituito una banda, la famosa “Merrie men”. Con lui vivevano Little John, alto più di due metri, il grasso frate Tuck e Maid Marriam, la sua compagna.

La figura di questo personaggio si materializza nei tradizionali racconti dei cantastorie tardo – medioevali, durante i secoli successivi.
Le sue gesta erano narrate durante la festa del primo Maggio, il May fairs, in tutti i villaggi inglesi e si raccontava anche della sua strana morte avvenuta per avvelenamento da parte di una suora.

Robin Hood è in ogni modo menzionato nel poema “Piers Plowman” scritto da Langland nel 1377 e nel 1489 compare, in una raccolta di ballate popolari scritte da Wymkym the Worde, un racconto intitolato “A lytell geste of Robin Hode. Un personaggio simile a lui appare in The Canterbury Tales scritte da Chaucer nel 1387. Una leggenda postmedioevale riteneva invece che Robin Hood fosse un nobiluomo inglese esiliato dal nome di Robert Fitzooth.
Più tardi è citato da due scrittori, Dryton e Percy e nel celebre romanzo di W. Scott intitolato “Ivanhoe” è chiamato Lord Locksley (1819).

Possiamo oggi ritenere che Robin Hood abbia incarnato le rivendicazioni e le aspirazioni di libertà e giustizia del popolo medioevale che viveva in estrema povertà e che subiva ogni sorta di violenza da parte dei ceti sociali più elevati.

Attraverso il racconto delle sue imprese leggendarie si è materializzata, nei secoli successivi, la contestazione dell’esclusività della Caccia riservata ai proprietari terrieri e la rivendicazione del diritto di caccia finalizzato al reperimento di cibo non dimenticando che, proprio in quegli anni, vi fu in tutta l’Europa un’esplosione demografica con conseguente penuria di derrate alimentari e spostamenti di masse dalle città verso la campagna.

_________________
"Stranger in the strange land..."
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Cernunnos80
Aiutante Taverniere
Aiutante Taverniere


Messaggi: 310
Punti: 497
Rinomanza dei post: 19
Data d'iscrizione: 29.11.10
Località: Foreste e Boschi antichi...

MessaggioOggetto: Re: La leggenda di Robin Hood   Gio Dic 30, 2010 2:29 pm

Mi piace molto questa rivisitazione in chiave critico-letteraria del famoso mito di Robin Hood: complimenti Straniero77! king
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 

La leggenda di Robin Hood

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 su1

 Argomenti simili

-
» La leggenda del PONTE ARCOBALENO
» VERITA' O LEGGENDA METROPOLITANA???
» soffiatore robin 4 tempi cc.24,5(subaru-dolmar)
» Robin acquistata da Dolmar- Makita?
» robin decespugliatori eho 25-eho 35 esplosi e service

Permesso del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi ::  ::  :: -