La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista utentiGruppiRegistrarsiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Parola d'ordine:
Connessione automatica: 
:: Recuperare la parola d'ordine
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Il Natale del gatto Romeo (Fiaba natalizia)
Mar Dic 08, 2015 2:38 pm Da AleTheElf

» La leggenda del Maneki neko (video)
Lun Ott 26, 2015 4:13 pm Da AleTheElf

» Largo,gente: arriva il sito di Romeo!
Lun Mag 11, 2015 9:28 pm Da AleTheElf

» La Pratica Con i Tarocchi
Lun Mar 23, 2015 7:40 pm Da Arwen

» ♥♥♥Ave Maria - Leo Rojas ♥♥♥
Dom Mar 01, 2015 6:42 pm Da Keewna

» Nature - Harmony
Dom Mar 01, 2015 5:42 pm Da Keewna

» Chirapaq, Świnoujście
Dom Mar 01, 2015 5:18 pm Da Keewna

» Bonus 30 punti Elven's top 100
Dom Ott 19, 2014 7:22 pm Da Jupiter

» Insolita richiesta
Ven Ago 01, 2014 7:29 am Da Tancredi

» Uther Pendragon (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 2:30 pm Da Faun

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Cernunnos80
 
Straniero77
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook

Condividere | 
 

 IL Galeone

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Aduial
Druido
Druido


Messaggi : 125
Punti : 178
Rinomanza dei post : 7
Data d'iscrizione : 04.10.12
Località : Foresta Pino D'Aleppo

MessaggioOggetto: IL Galeone   Lun Feb 10, 2014 9:38 pm

  

lL galeone è un poderoso veliero da guerra progettato per affrontare la navigazione oceanica, molto diffuso nel XVI e XVII secolo. Il nome "galeone" appare per la prima volta negli "annali genovesi" del XII secolo, dove si intendeva una galea minore, spinta da 60 - 80 remi utilizzata come avanscoperta della flotta.
Il galeone vero e proprio nacque nel corso del XVI secolo come evoluzione della galea appunto, allo scopo di unire la grande maneggevolezza di quest'ultima a doti di robustezza necessarie alla navigazione oceanica.
Rispetto alla caracca, il galeone aveva dimensioni maggiori, in genere lunghezza tripla rispetto alla larghezza, la quale era doppia rispetto all'altezza. Il rostro di prua, detto bompresso, perdeva la funzione offensiva che aveva acquisito con la galea, diventando il supporto dell'albero di bompresso, l'albero diagonale rispetto alla linea dello scafo ed ospitante solitamente una sola vela, detta civada, oppure una seconda vela sistemata su un prolungamento verticale dell'albero, detta controcivada. Le sovrastrutture di prua e di poppa divennero in alcuni esempi molto alte, racchiudendo più ordini di ponti. Il cassero di poppa era elegantemente ornato, anche con statue in legno e figure allegoriche. Il cassero, all'altezza del ponte di coperta, poteva essere munito di una fila di otto o dieci pezzi d'artiglieria minori
ed altri sette od otto pezzi d'artiglieria potevano essere disposti sui casseretti, i ponti superiori del cassero. Il ponte più importante della nave era il primo ponte di batteria, collocato al di sotto del ponte di coperta. In questo modo vi era una migliore distribuzione dei pesi, mentre le manovre principali per il governo del galeone erano effettuate sul ponte di coperta.

  
Un galeone del XVI secolo poteva misurare mediamente 40 - 42 m per una larghezza di una decina di metri. I galeoni minori avevano tre alberi, in genere l'albero di trinchetto (prodiero) possedeva tre vele quadre, la più grande era la vela di trinchetto, seguita dal parrocchetto e dal velaccio di trinchetto.
Anche l'albero di maestra ospitava tre vele quadre, la vela di maestra, la vela di gabbia ed il velaccio di maestra, eventualmente seguita da un controvelaccio. Invece l'albero di mezzana (poppiero) ospitava solitamente una vela latina, la vela di mezzana. Sui galeoni più grandi era presente anche un quarto albero, detto contromezzana o bonaventura, il quale era armato anch'esso una vela latina. A poppa sporgeva orizzontalmente poi, un'asta orizzontale, il buttafuori, che serviva a fissare le scotte della vela latina, le cime cioè che servivano ad orientare la vela nel senso orizzontale.
Come accennato più sopra, verso la fine del secolo apparve la controcivada, agganciata sull'albero tenuto in equilibrio da una piattaforma sostenuta dall'albero di bompresso. Le flotta inglese, francese e spagnola impiegarono il galeone come unità da combattimento principale.
Preziose informazioni circa la capacità costruttiva di quegli anni si hanno dalle note del maestro costruttore inglese Matthew Baker.
Le navi inglesi erano di gran lunga le migliori. Il castello di prua aveva in genere un solo ponte, mentre lo scafo aveva di solito una linea più bassa e slanciata.
Gli olandesi, raggiunta l'unità nazionale nel 1648, crearono un galeone in cui il trinchetto era posto anteriormente al castello di prua, mentre le sovrastrutture erano più sobrie.
L'arma principale del galeone era la colubrina, perfezionata negli anni. La prima batteria era formata da una ventina di pezzi da 18 libbre (calibro 133 mm, lunghezza 3,50 m). Sul ponte di coperta una seconda batteria ospitava semicolubrine da 10 o 9 libbre.
Il cassero ed il castello potevano avere pezzi minori, eventualmente brandeggiabili.
L'equipaggio era composto da trecento uomini che mangiavano e dormivano sui ponti di batteria, mentre gli ufficiali alloggiavano a poppa.



Il galeone era una nave adottata sia dalla marina militare sia dalla marina mercantile e come tale altrettanto armato. Verso la metà del XVII secolo, per far fronte alle nuove esigenze della guerra sul mare evolse nel vascello di linea. Il galeone nacque in effetti per l'esigenza di creare una unità più grande della caracca, ma più agile e veloce. Fu anche ridotto il numero dei fanti di marina a bordo, riducendo di conseguenza le sovrastrutture adatte ad ospitarli. Tali strutture, massicce e pesanti, costituivano un ostacolo alla propulsione eolica. L'ammiraglio britannico Lord William Monson riporta: "le flotte reali di quell'epoca", si riferisce alle caracche di Enrico VIII, "non ebbero mai a compiere un vero e proprio viaggio, poiché le navi non si trovavano mai così lontane da terra da non potervi far ritorno, con vento favorevole, nel giro di un giorno, laddove i galeoni non si aspettavano certo di vedere la costa inglese prima di quattro, cinque o sei mesi,
e molte volte anche di più". All'inizio l'Inghilterra non fu all'avanguardia, per qualità tecniche e nautiche, preceduta dalla perizia degli olandesi prima e dei francesi poi.

Fonte : Wikipedia
  


Ps: Mi sono permesso di modificare il link del mio video perchè durante il caricamento ho riscontrato un certo tremolio nell'esecuzione del filmato, spero mi scusate.
Aduial. 
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Elfa Silvana
Bardo di Taverna
Bardo di Taverna


Messaggi : 117
Punti : 174
Rinomanza dei post : 11
Data d'iscrizione : 12.08.12
Località : Ancona

MessaggioOggetto: Re: IL Galeone   Mar Feb 11, 2014 2:59 pm

Anche se sono una ragazza, le storie sui pirati e le loro misteriose imbarcazioni mi hanno sempre affascinata...fin da piccola! Molto intrigante il tuo post,Aduial     
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://www.facebook.com/#!/elfas1
AleTheElf
L' Oste
L' Oste


Messaggi : 783
Punti : 1100
Rinomanza dei post : 53
Data d'iscrizione : 21.10.10
Località : Siracusa, Sicilia

MessaggioOggetto: Re: IL Galeone   Mar Feb 11, 2014 3:30 pm

Ottimo lavoro,Aduial!   

_________________

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://elvenpath76.blogspot.com/
MichaelaFairy
Fata di Avalon
Fata di Avalon


Messaggi : 1613
Punti : 2345
Rinomanza dei post : 62
Data d'iscrizione : 10.11.10
Località : Canada

MessaggioOggetto: Re: IL Galeone   Mar Feb 11, 2014 10:51 pm

Wonderful topic, Aduial. I was wondering since they could not measure their longitude and latitude how did they sail around the world?  

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Bemolle
Troll di Taverna
Troll di Taverna


Messaggi : 27
Punti : 42
Rinomanza dei post : 3
Data d'iscrizione : 05.10.13
Località : Bari, Italia

MessaggioOggetto: Il Galeone   Mar Feb 18, 2014 5:28 pm

Buonasera, Aduial,

veramente straordinario il video che mostra il galeone in tutte le sue parti (a proposito, splendida e molto intensa anche la musica del video)! Testo molto interessante… Sono un folletto ma mi piacerebbe essere anche un’impavida “piratessa” per solcare i mari su un galeone insieme ad una ciurma di pirati… il cui mondo mi affascina da sempre…



Grazie e a presto!   

Bemolle
    
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Aduial
Druido
Druido


Messaggi : 125
Punti : 178
Rinomanza dei post : 7
Data d'iscrizione : 04.10.12
Località : Foresta Pino D'Aleppo

MessaggioOggetto: Grazie   Dom Feb 23, 2014 2:42 pm

  Grazie amici tavernieri  per i vostri graditi apprezzamenti !  
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: IL Galeone   Oggi a 12:31 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
IL Galeone
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi :: Inside the Tavern :: Il Tavolo dei Bucanieri :: La Perla Nera-
Andare verso: