La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Il Natale del gatto Romeo (Fiaba natalizia)
Mar Dic 08, 2015 2:38 pm Da AleTheElf

» La leggenda del Maneki neko (video)
Lun Ott 26, 2015 4:13 pm Da AleTheElf

» Largo,gente: arriva il sito di Romeo!
Lun Mag 11, 2015 9:28 pm Da AleTheElf

» La Pratica Con i Tarocchi
Lun Mar 23, 2015 7:40 pm Da Arwen

» ♥♥♥Ave Maria - Leo Rojas ♥♥♥
Dom Mar 01, 2015 6:42 pm Da Keewna

» Nature - Harmony
Dom Mar 01, 2015 5:42 pm Da Keewna

» Chirapaq, Świnoujście
Dom Mar 01, 2015 5:18 pm Da Keewna

» Bonus 30 punti Elven's top 100
Dom Ott 19, 2014 7:22 pm Da Jupiter

» Insolita richiesta
Ven Ago 01, 2014 7:29 am Da Tancredi

» Uther Pendragon (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 2:30 pm Da Faun

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Cernunnos80
 
Straniero77
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook

Condividere | 
 

 Il Bestiario Medievale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Straniero77
Aiutante Taverniere
Aiutante Taverniere
avatar

Messaggi : 310
Punti : 452
Rinomanza dei post : 40
Data d'iscrizione : 03.11.10

MessaggioTitolo: Il Bestiario Medievale   Mar Gen 25, 2011 11:27 am

Il Medioevo è considerato da molti storiografi un’età buia… l’età delle paure e dei terrori notturni.
All’uomo medievale, molto spesso povero contadino analfabeta, vengono raccontate le storie della religione con gli affreschi sulle pareti delle chiese, viene imposta una legge da un signore, il feudatario, che molto spesso è il suo padrone assoluto e gli viene quasi negata la facoltà di pensare…

E la ragione dell’uomo, quasi violentata, si ribella e si crea le sue immagini per difendersi, tra le quali le “bestie”.

Nasce così l’iconografia del bestiario, rappresentazione fantastica ed artistica delle paure ancestrali, esorcizzate con la capacità di dar vita a mostri che le rappresentino: dare loro un corpo è l’inizio della liberazione.

Tutto il recupero delle immagini del bestiario medievale ha la sua origine nel mondo classico: già il mondo greco, come pure quello romano, sono ricchi di creature antropomorfe, che spesso mescolano nel loro aspetto caratteristiche derivate da diversi animali.
L’animale, in questo caso, viene a perdere tutta la compostezza che ha nell’equilibrio del sereno e olimpico mondo classico, venendo strumentalizzato dalla componente orfica e dionisiaca che sempre insidia e sgretola la compostezza classica apollinea.

Le principali fonti storico-letterarie sono l’Iliade e l’Odissea, i due grandi poemi omerici che rappresentano il fondamento della prima cultura classica.
Ma anche la lirica di epoca successiva, richiamando i poemi epici, si rifà ad esseri immaginari e ibridi.
Gli stessi dei e semidei erano di questa sorta (le sirene, i tritoni, i fauni…).

Tutta questa ricchezza di immagini e figure rappresenta il contributo dell’antichità classica che, tramandata attraverso la paziente trascrizione dei monaci amanuensi, diventa il patrimonio che l’uomo colto del Medioevo si ritrova a disposizione: da questo il capolavoro che Dante, nel Trecento, crea scrivendo la Divina Commedia, quasi compendio di tutto il sapere classico e medievale.

Infatti è proprio nelle tre cantiche dantesche che ritroviamo una delle fonti principali per ricostruire un bestiario, ma appunto con la sensibilità sofferta di un uomo medievale maturo.
La cultura dantesca è infatti pienamente medievale, ma di un medioevo maturo, che fa presagire il preumanesimo del Boccaccio. La bestia è, in Dante, non solo un’eco della cultura classica, ma è figura, per citare uno dei più famosi studiosi danteschi, Auerbach, inserita in quella visione cristiana e teocentrica che il poeta vuole esprimere.

La bestia è figura, come già detto, cioè anticipazione e richiamo di concetti morali che Dante vuole esporre all’attenzione del lettore.
Così il bestiario è fondamentalmente una galleria medievale, come sede di raccolta, anche se pure nei secoli a seguire la teoria di bestie appartenenti all’immaginario, non solo colto ma anche collettivo, si arricchirà durante tutto il Rinascimento e il Barocco.

Infine, per giungere a tempi più vicini a noi, sarà la fervida fantasia romantica dell’800 che, dando pieno impulso all’irrazionale, riscoprirà mostri e fantasmi.
Nasce così un vero e proprio genere, il romanzo gotico e il racconto dell’orrore: ulteriore contributo alla costruzione dell’immagine della bestia.


Fonte: Medioevo


_________________
"Stranger in the strange land..."
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
MichaelaFairy
Fata di Avalon
Fata di Avalon
avatar

Messaggi : 1613
Punti : 2345
Rinomanza dei post : 62
Data d'iscrizione : 10.11.10
Località : Canada

MessaggioTitolo: Re: Il Bestiario Medievale   Mar Gen 25, 2011 1:51 pm

Thank you for it. I like such topics.I would like to read more...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Il Bestiario Medievale
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» CARDO DEI LANAIOLI (Dipsacus Fullonum )
» HELP CERCO CARTAMODELLI PER VESTITI DA DAMA MEDIOEVALE !!
» Ludika 1243 - festival medievale a Viterbo
» Laterina Medievale (Ar) 29/39/31 Luglio

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi :: Le Stanze superiori :: La Stanza dei Templari :: Magia & Leggende-
Andare verso: