La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Il Natale del gatto Romeo (Fiaba natalizia)
Mar Dic 08, 2015 2:38 pm Da AleTheElf

» La leggenda del Maneki neko (video)
Lun Ott 26, 2015 4:13 pm Da AleTheElf

» Largo,gente: arriva il sito di Romeo!
Lun Mag 11, 2015 9:28 pm Da AleTheElf

» La Pratica Con i Tarocchi
Lun Mar 23, 2015 7:40 pm Da Arwen

» ♥♥♥Ave Maria - Leo Rojas ♥♥♥
Dom Mar 01, 2015 6:42 pm Da Keewna

» Nature - Harmony
Dom Mar 01, 2015 5:42 pm Da Keewna

» Chirapaq, Świnoujście
Dom Mar 01, 2015 5:18 pm Da Keewna

» Bonus 30 punti Elven's top 100
Dom Ott 19, 2014 7:22 pm Da Jupiter

» Insolita richiesta
Ven Ago 01, 2014 7:29 am Da Tancredi

» Uther Pendragon (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 2:30 pm Da Faun

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Cernunnos80
 
Straniero77
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook

Condividere | 
 

 La Leggenda dell'Arnica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Cernunnos80
Aiutante Taverniere
Aiutante Taverniere
avatar

Messaggi : 311
Punti : 498
Rinomanza dei post : 19
Data d'iscrizione : 29.11.10
Località : Foreste e Boschi antichi...

MessaggioTitolo: La Leggenda dell'Arnica   Dom Feb 06, 2011 9:17 pm

L’arnica è una pianta delle famiglie delle Composite ed è tipica delle regioni alpine e prealpine. Il termine greco “ptarmike” sembra essere la radice del nome arnica e significa "starnutire", richiamando già dall’antichità più remota l’impiego dell’arnica come pianta da tabacco. La grande fortuna dell’arnica come pianta medicamentosa arriva nel XXI° secolo e fra le voci più importanti ricordiamo Antonio Campana nella sua “Farmacopea ferrarese” del 1821 e nel 1854 il farmacologo francese A. Bouchardat. Dato il suo impiego nelle febbri intermittenti e adinamiche era chiamato anche “china dei poveri”, perché la china vera e propria raggiungeva allora sul mercato erboristico quotazioni non a tutti accessibili. L’uso dell’arnica come pianta medicamentosa deve essere prescritto e seguito da un medico. Fra le sue proprietà che possono essere sfruttate utilizzando dei dosaggi da calibrare sui singoli casi, e dunque da mano esperta e competente, ricordiamo quella che più ha contribuito a renderla famosa tanto da valerle l’appellativo di “panacea per le cadute”. L’arnica in applicazioni esterne aiuta i tessuti a riformarsi, ad eliminare i versamenti di liquidi, a riassorbire gli ematomi. Ingerita può essere tossica anche a bassi dosaggi.


LA LEGGENDA:
In un maso (tipica abitazione rurale del Trentino-Alto Adige), non lontano dalla Pale di San Martino, vivevano le Guane, streghette molto belle e gentili con un piede però messo a rovescio. Una di esse fece innamorare un giovanotto di Primiero, che si recò al maso delle Guane per chiederla in sposa. La streghetta accettò ma a patto che lui promettesse di vivere sempre con lei e che giurasse che non le avrebbe mai toccato i capelli. L'uomo accettò i patti e il matrimonio si celebrò presto e fu un matrimonio felice, rallegrato dalla nascita di cinque maschietti bellissimi e infine da una femminuccia, bella e buona come la madre, con magnifici capelli color dell'oro. Una sera purtroppo l'uomo, ritornato a casa alticcio, ebbe l'irrefrenabile desiderio di toccare i capelli della moglie. Subito la bella guana diventò pallida e sempre più esile, finché si dissolse in un fil di fumo. Il marito si disperò, ma nei giorni seguenti seppe dai figli che mentre lui era al lavoro, la mamma veniva a trovare i figli e poi fuggiva piangendo. Un giorno l'uomo finse di uscire di casa per recarsi al lavoro e si nascose. Quando la moglie entrò nella stanza e gli passò vicino, balzò fuori dal nascondiglio, l'afferrò per la vita pregandola di perdonarlo. La Guana lanciò un grido e disse piangendo che un terribile incantesimo pesava sulla sua vita e che ormai nessuno l'avrebbe mai più potuta vedere. Poi si sciolse dall'abbraccio e fuggì. Mentre correva lontano, dal suo capo si staccavano uno ad uno i magnifici capelli biondi che, caduti a terra, si trasformavano subito in fiori color dell'oro. I bambini si misero a rincorrere la mamma seguendo la scia di fiori, finché giunsero al laghetto Welsperg dove si specchia la Cima Canali, lì si fermarono a cercarla, ma di lei non vi era più traccia se non un prato di fiori gialli. A sera i cinque maschietti tornarono a casa, ma la bimba volle rimanere nei pressi del laghetto. Nel buio le si avvicinò una vecchina, alla quale la bimba raccontò la triste storia della sua famiglia. La vecchina disse allora alla bimba di tornare a casa e di ritornare lì la notte di San Lorenzo. Solo allora, quando avrebbe visto cadere la prima stella, doveva pronunciare le parole:

"Stella cadente, stellina di fiamma
fa che ritorni la cara mia mamma!
".

La bimba tornò a casa cercando di sostituire la mamma nelle faccende domestiche per giorni e giorni finché finalmente giunse la notte di San Lorenzo.
Si precipitò allora al laghetto Welsperg e quando vide cadere la prima stella, disse le parole magiche e subito si sentì abbracciare teneramente. La sua mamma era lì con lei, per sempre, ma non aveva più i capelli colore dell'oro: ora il suo viso era incorniciato da capelli d'argento, perché i suoi capelli d'oro erano diventati fiori di arnica!

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
MichaelaFairy
Fata di Avalon
Fata di Avalon
avatar

Messaggi : 1613
Punti : 2345
Rinomanza dei post : 62
Data d'iscrizione : 10.11.10
Località : Canada

MessaggioTitolo: Re: La Leggenda dell'Arnica   Dom Feb 06, 2011 11:38 pm

I think I don't know this flower, but I think it's similar to a flower that I do know.
I had no idea what it was used for. Now I do.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
La Leggenda dell'Arnica
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» La leggenda del PONTE ARCOBALENO
» Paura dell asciugacapelli
» Festival Internazionale dell'Aquilone Cervia 2012
» La prova dell'accendino
» il mistero dell'avatar sparito

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi :: I Giardini :: Fauna & Flora :: Piante e Giardinaggio-
Andare verso: