La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Il Natale del gatto Romeo (Fiaba natalizia)
Mar Dic 08, 2015 2:38 pm Da AleTheElf

» La leggenda del Maneki neko (video)
Lun Ott 26, 2015 4:13 pm Da AleTheElf

» Largo,gente: arriva il sito di Romeo!
Lun Mag 11, 2015 9:28 pm Da AleTheElf

» La Pratica Con i Tarocchi
Lun Mar 23, 2015 7:40 pm Da Arwen

» ♥♥♥Ave Maria - Leo Rojas ♥♥♥
Dom Mar 01, 2015 6:42 pm Da Keewna

» Nature - Harmony
Dom Mar 01, 2015 5:42 pm Da Keewna

» Chirapaq, Świnoujście
Dom Mar 01, 2015 5:18 pm Da Keewna

» Bonus 30 punti Elven's top 100
Dom Ott 19, 2014 7:22 pm Da Jupiter

» Insolita richiesta
Ven Ago 01, 2014 7:29 am Da Tancredi

» Uther Pendragon (Medieval Music)
Sab Lug 12, 2014 2:30 pm Da Faun

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Cernunnos80
 
Straniero77
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook

Condividere | 
 

 Antichi giochi senesi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Cernunnos80
Aiutante Taverniere
Aiutante Taverniere
avatar

Messaggi : 311
Punti : 498
Rinomanza dei post : 19
Data d'iscrizione : 29.11.10
Località : Foreste e Boschi antichi...

MessaggioTitolo: Antichi giochi senesi   Dom Mar 13, 2011 3:36 pm



L’Elmora o Giuoco dei cestarelli
Il «Giuoco dell’Elmora o dei cestarelli» si praticò a Siena nel XIII secolo: un finto combattimento tra due schieramenti composti dagli uomini del Terzo Città contro quelli riuniti di San Martino e Camollia. Le armi erano di legno e gli scudi di vimini intrecciati (da questi l’appellativo di «cestarelli»). Purtroppo lo scontro che doveva essere «amichevole» terminava spesso con morti e feriti.
Il 4 Settembre 1261 si combatté la «finta battaglia» a ricordo della splendida vittoria sulle armi fiorentine a Montaperti riportata l’anno avanti; lo scontro fu più violento del solito tanto che il Podestà di Siena, Messer Mino, fu costretto a sospenderlo. Successivamente il Governo della Repubblica proibì tale cruento giuoco.


I Giorgiani o Juvenali
La vittoria di Montaperti doveva però essere ricordata ed i cosiddetti Giorgiani furono istituiti proprio in onore di San Giorgio, protettore delle milizie senesi.
Scrive Niccolò di Giovanni di Francesco Ventura («Due narrazioni sulla sconfitta di Montaperto», Ed. Porri, 1844, in «Miscellanea Storica Senese», pag. 96): «Seguitò da poi che la gente d’arme, per la grande vittoria e grande guadagno che fecero, edificarono una bellissima Chiesa a onore di Dio e di Santo Giorgio, là dove è oggi in Pantaneto benché si crede che la piccola Chiesa vi fosse, ma fecero la grande e magna come al presente si vede, e ordinaro questa a perpetua memoria, che ogni anno per la festa di Santo Giorgio vi si facesse una solenne festa in questo modo cioè: in prima una selva, da poi un uomo armato in forma di San Giorgio, combatta col dragone, e la donzella istia in orazione: questo si faceva a similitudine di San Giorgio...». In genere, un gruppo di armati di elmo, corazza, spada di legno spuntata, doveva difendere un fortilizio, a ciò predisposto, dall’assalto di un altro gruppo, similmente armato.
Si evitava così il «corpo a corpo», ma il gioco non piacque e gradatamente venne a cessare.


La Pugna
Il gioco delle «Pugna», nato contemporaneamente ai «Giorgiani», incontrò invece il favore popolare. Fu in sostanza la ripetizione dell’ «Elmora» dove tuttavia, in luogo delle armi di legno, si usarono le mani «nude».
Le due squadre si fronteggiavano nel Campo o nella piazza del Carmine, sempre divise nei terzi di Città contro San Martino e Camollia. La lotta era condotta a pugni, schiaffi, e persino a morsi. I vincitori erano incoronati di alloro.
Il gioco ebbe inizio subito dopo la proibizione di quello dell’«Elmora», nel mese di Novembre del 1261, e si ripeté fino ai primi anni del XVIII secolo, solitamente nel periodo di Carnevale.


La Pallonata
Variante del giuoco delle «Pugna» fu la «Pallonata» attuata nel giorno di Santo Stefano.
Due squadre si presentavano, contraddistinte nell’abito di diverso colore, sul luogo destinato allo svolgimento del giuoco (il Campo o la Piazza del Carmine). A pugni, spinte e sgambetti, si cercava di scaraventare il pallone nella porta degli avversari.
Quando la manifestazione veniva svolta nella Piazza del Campo, il pallone era lanciato ai contendenti dall’alto della Torre del Mangia. Le porte erano costituite dalla Bocca del Casato (per i Terzi di Camollia e San Martino) e dall’ingresso di Via San Martino (per il Terzo di Città).
Senza successo, nel 1904 (vedi immagine) e, poi, nel 1909, si tentò di riproporre tale spettacolo.


Il Torneo
Va ricordato anche il «Torneo», riservato ai nobili cavalieri senesi.
Nel 1399, commemorando una vittoria riportata da Gian Galeazzo, Duca di Milano, i nobili senesi si affrontarono nel Campo, per la prima volta, ad armi cortesi. In tali circostanze la Piazza veniva attrezzata con palchi all’intorno dove prendevano posto gli spettatori, mentre sul palco d’onore sedevano nobili fanciulle in nome delle quali si faceva sfoggio di coraggio e abilità.
Precedentemente il «Mantenitore della Giostra» (colui che provocava il combattimento) aveva portato i cartelli di sfida che erano stati accettati dai «Venturieri». I cavalieri, armati, entravano a cavallo nel Campo preceduti dagli araldi, accompagnati dai padrini e seguiti dagli scudieri e da largo stuolo di famigli. Compiuto il giro delle tribune, al suono delle trombe, si disponevano al combattimento. Al segnale, dato dai «Maestri di Campo», i cavalieri si lanciavano l’uno contro l’altro. Vinceva il cavaliere che riusciva a piazzare tutti i colpi prescritti nei «Capitoli della Giostra».
L’ultimo torneo fu effettuato nel 1602 in occasione di una visita a Siena del Granduca Ferdinando I.

Riferimenti:
- Tutta Siena contrada per contrada di Piero Torriti;
- Sito web: Il Palio


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Antichi giochi senesi
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Giochi per jack
» Una compagna di giochi per Virgola !
» Giochi di attivazione mentale
» Help me consigli per giochi indistruttibili
» giochi attivazione mentale

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi :: Le Stanze superiori :: La Stanza dei Templari :: La Società Medievale-
Andare verso: