La Taverna degli Elfi

BENVENUTI NELLA TAVERNA DEGLI ELFI!


PER INTERAGIRE CON GLI ALTRI TAVERNIERI È RICHIESTA UNA PREVIA E GRATUITA ISCRIZIONE!

GRAZIE DELLA VISITA E A PRESTO.

L'OSTE.

La Taverna degli Elfi

Un'accogliente Taverna silvestre per discutere di Natura, Medioevo, Celti e Fantasy!
 
IndiceFAQCercaLista utentiGruppiIscrivitiAccedi
Home del Forum:

Elvenpath,il sentiero degli Elfi

Menù della Taverna






Accedi
Nome utente:
Parola d'ordine:
Connessione automatica: 
:: Recuperare la parola d'ordine
Tagboard
Amici degli Elfi


Ultimi argomenti
» Buona Pasqua 2014!
Dom Apr 20, 2014 12:38 am Da AleTheElf

» Mashallah - Song - Ek Tha Tiger - Salman Khan | Katrina Kaif
Ven Mar 28, 2014 11:24 pm Da Keewna

» I have a Dream - Panflöte
Ven Mar 28, 2014 11:19 pm Da Keewna

» St Patrick
Mer Mar 26, 2014 4:03 pm Da AleTheElf

» Volano le oche, vola Nils all’avventura…
Mer Mar 26, 2014 3:38 pm Da AleTheElf

» Kudiye Di Kurti Full Video Song Ishkq In Paris | Salman Khan, Preity
Mer Mar 19, 2014 8:21 pm Da Keewna

» Visitate le recensioni!
Dom Mar 09, 2014 10:35 am Da Yelle

» Der Letzte Mohikaner - "Panflöte" ( Leo Rojas )
Ven Mar 07, 2014 10:07 am Da Yelle

» Gravity
Mer Mar 05, 2014 2:58 am Da MichaelaFairy

» Leo_Rojas_-_El_Condor_Pasa.
Mar Mar 04, 2014 1:50 am Da Keewna

Affiliati & Directories:
Clicca per sostenerci

Vota

Forum Topsite

Personal Blogs

Top science blogs

SiteBook

Altre Top››

Migliori postatori
Keewna
 
MichaelaFairy
 
AleTheElf
 
Arwen
 
Arwen71
 
FairyViolet
 
Straniero77
 
Cernunnos80
 
Barbanera
 
Faun
 
Seguici su Facebook
Condividere | 
 

 Il Sentiero di Paglia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Barbanera
Aiutante Taverniere
Aiutante Taverniere


Messaggi: 260
Punti: 374
Rinomanza dei post: 17
Data d'iscrizione: 27.01.11
Località: Palermo

MessaggioOggetto: Il Sentiero di Paglia   Gio Lug 07, 2011 1:00 am


Una povera vedova che viveva sola, aveva da poco falciato e raccolto il grano del suo piccolo campo . Era la provvista per l'inverno e ogni chicco di grano era benedetto da Dio. Un vicino di casa l'aveva aiutata a sistemare il frumento nell'aia, in attesa della battitura. Ma poiché era ormai quasi buio ed erano entrambi stanchi morti, il compare e la comare avevano collocato nel cortiletto, un po’ alla rinfusa , i covoni della paglia insieme al grano ed erano andati a dormire nelle rispettive case. Durante la notte, una notte senza luna e senza vento, la donna si svegliò all'improvviso, disturbata da uno strano rumore che proveniva dall'esterno, proprio dalla sua aia. Era il rumore di un carro a buoi che si muoveva con circospezione, spinto da una voce soffocata e frettolosa: “Eeeh! Oooh! Trù su fò! “(tipico richiamo sardo d'incitamento ai buoi). Preoccupata, la donna si vestì svelta svelta, si precipitò alla porta e s'affacciò allo spioncino. Ma il buio era così profondo che non si distingueva la terra dal cielo, né gli uomini dalle bestie, né tantomeno gli amici dai nemici. Spaventata, chiamò allora a gran voce il compare, che dormiva nella casa vicina:
Ohi, compá!“.
Eeeh?! “ rispose il compare con una voce che sembrava venire dall'altra parte del paese, tanto era lontana.
“Qualcuno mi sta rubando il grano!“
“Nooo! È solo un po’ di vento“. E un po’ di vento incominciò davvero a levarsi e a soffiare sull'aia, ora leggero, ora furioso, come l'ansimare di un'anima in pena. Per niente tranquillizzata, la comare uscì all'aperto e si guardò attorno, tentando disperatamente di trapassare con lo sguardo quel buio senza fine. Purtroppo neppure il cielo stellato le venne in aiuto, perchè la luminescenza delle stelle non era tanto forte da vincere l'oscurità della notte.
Ohi, compá! “gridò la comare spaventata.
Eeeh?!
Qui mi rubano il grano e la paglia“.
“Nooo! È il vento vi dico“.
E la voce del compare era così lontana da sembrare addirittura che provenisse da una collinetta che si trovava poco fuori dal paese. E proprio da quella collinetta incominciò pian piano a diffondersi nell'aria una pallida luminosità, come una scia di lucciole in processione che volavano lentamente verso il cielo. A mano a mano che la scia luminosa saliva, il paesaggio si schiariva tutt'intorno come un'alba precoce. E allora la comare riconobbe il carro del compare che aveva ormai raggiunto la cima della collina, stracarico di grano e di paglia. Ma dai sacchi semiaperti, per la fretta di scappare, scaturivano a ogni scossone del carro, manciate di paglia e di grano, che si spargevano nell'aria sospinte dal vento.
Ohi, compá!
Eeeh?"
Ma allora il ladro siete voi!
Nooo! È solo il vento....
E il vento beffardo svuotava i sacchi di grano e di paglia dal carro del compare spergiuro , tracciando in direzione del cielo un lungo sentiero sinuoso, come un immenso stradone pieno di polvere sfavillante che portava alle stelle. Così nacque la Via Lattea, che i pastori sardi chiamano ancora, appunto, su caminu'e sa paza, la strada di paglia.

(Leggenda sarda)

Immagine: "Carro con paglia" di Cesare Marchesini.




_________________



YO OH! La gloria! Corre nell'aldilà,
nel mondo VIVO O MORTO lei ti seguirà!
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 

Il Sentiero di Paglia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 su1

 Argomenti simili

-
» Cerco borse di paglia semplici da rivestire!!
» borsa di paglia da foderare: chi mi aiuta?
» Che belle le borse di paglia
» Cuccia per Pack
» Gita in valle Maira

Permesso del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
La Taverna degli Elfi :: Inside the Tavern :: Il Tavolo dei Bardi :: Leggende locali-